PER LO STUDIO, LA CURA E L'ASSISTENZA DEI BAMBINI CON TUMORE
AGMEN, PERCHÈ?COME AIUTARE L'ASSOCIAZIONECOME CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE
LA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE
HOMEPAGE
L'AGMEN PER I BIMBI

DONAZIONI CON CARTA DI CREDITO

Cari amici, ora potete aiutare la nostra Associazione anche con carta di credito, direttamente dal vostro computer.
La somma che deciderete di offrire potrà essere impiegata per aiutare i bambini della nostra regione e le loro famiglie o sostenere il reparto di Oncoematologia del Burlo Garofolo di Trieste e tutti gli altri centri e strutture che in regione si occupano di oncologia pediatrica.
Cliccando sul pulsante donazioini verrete trasferiti al sito di Pay Pal che vi permetterà in tutta sicurezza di effettuare la transazione.
La mail di conferma di Pay Pal vi garantirà il buon fine dell'operazione.
Vi ricordiamo che anche le donazioni effettuate con Carta di Credito online sono deducibili: conservate la documentazione costituita dalla mail di conferma con il numero dell'operazione e l'Estratto Conto della Vostra carta di credito.
Fin d'ora il nostro grazie per avere contribuito a rendere migliore e più sereno il futuro dei nostri bambini e delle loro famiglie.

APPELLO ALLE INDUSTRIE FARMACEUTICHE

APPELLO ALLE INDUSTRIE FARMACEUTICHE

Mancano nuovi farmaci per i tumori pediatrici

Il principale impegno delle associazioni che sostengono la lotta ai tumori nei bambini in tutta Europa in questi ultimi anni è quello di promuovere la sperimentazione di farmaci antitumorali specificatamente pediatrici. Contrariamente a quello che si può pensare infatti, i bambini con tumore non rappresentano una popolazione sufficientemente ampia da giustificare i costi di ricerca e sperimentazione di nuovi farmaci.

Molte sono state le iniziative messe in campo da Unite2Cure, che associa la FIAGOP (Federazione Italiana Associazioni Genitori in Oncologia Pediatrica) alla quale l'AGMEN FVG ONLUS offre il suo appoggio in questa campagna, ma ora, con oltre 100 bambini che muoiono di cancro in Europa ogni settimana, non si può più aspettare. E' quindi essenziale accelerare l'accesso degli adolescenti ai trattamenti più innovativi, riducendo l'età di inclusione dei pazienti pediatrici negli studi clinici per aumentare le possibilità di trovare nuove soluzioni terapeutiche!

Su youtube è stato pubblicato il video messaggio alle case farmaceutiche per chiedere sperimentazioni cliniche più accessibili e nuovi farmaci efficaci e sicuri per l?oncologia pediatrica.

Se lo condividete, diffondetelo.

 

I TUMORI NEI GIOVANI IN FRIULI VENEZIA GIULIA

Presentata la ricerca finanziata dall'AGMEN FVG

Idx


Allegato il pdf della pubblicazione realizzata in collaborazione con il CRO di Aviano e il Burlo Garofolo di Trieste.

In quest'articolo è poi possibile leggere i punti principali messi in luce dalla ricerca così come sono stati esposti dal dr. Bidoli e dalla dr.ssa Birri alla presentazione dell'opera. Una particolare riflessione va fatta sul fenomeno dei piccoli pazienti inviati a curarsi fuori dalla nostra Regione e suoi motivi che sovraintendono a queste scelte.



I TUMORI NEI GIOVANI IN FRIULI VENEZIA-GIULIA

 ...continua


Punti principali esposti nelle due relazioni del 21/06/2013 (dr. Bidoli e dr.ssa Birri)

  

Incidenza

Nel periodo 1995-2007, in Friuli Venezia Giulia sono stati diagnosticati annualmente in media 25 nuovi casi di tumore tra i residenti di età 0-14 anni (bambini) e 14 nuovi casi tra quelli di età 15-19 anni (adolescenti).

 

Nei bambini i tumori più frequenti sono stati le leucemie (31% di tutte le diagnosi), i linfomi (17%), le neoplasie del sistema nervoso centrale (15%) e il neuroblastoma (9%).

 

Negli adolescenti sono stati i linfomi (36%), i carcinomi (23%), i tumori delle cellule germinali (13%) e le leucemie (12%).

 

Nei bambini il tasso di incidenza (numero di nuovi casi all'anno per milione di residenti in età 0-14 anni), standardizzato per età sulla popolazione europea, è stato pari a 163 (Italia1998-2002: 182). Negli adolescenti il tasso di incidenza specifico per la classe d'età 15-19 anni è stato pari a 277 (Italia1998-2002: 270). L'incidenza ha mostrato un andamento temporale sostanzialmente stabile.

  

Sopravvivenza

Nei bambini del Friuli Venezia Giulia con tumore diagnosticato nel periodo 2000-2004 la probabilità di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi è stata del 77% (Italia1998-2002: 78%), mentre negli adolescenti è stata dell'88% (Italia1998-2002: 81%). La differenza tra i due gruppi è dovuta all'effetto delle neoplasie

del sistema nervoso centrale e del neuroblastoma, più frequenti in età pediatrica.

  

Uso delle strutture

Nel decennio 2000-2009, 539 residenti nel Friuli Venezia Giulia sotto i vent'anni d'età con diagnosi di tumore (anche pregressa) sono stati ricoverati in ospedali della regione per cause legate alla neoplasia, per un totale di 28.355 giornate di degenza, delle quali 21% per radio e/o chemioterapia, 8% per trapianto di midollo o fegato e 71% per procedure diverse dalle precedenti. Nello stesso periodo, 111 giovani della regione con diagnosi di tumore si sono rivolti anche (n = 78) o esclusivamente (n = 33) a ospedali extraregionali (fenomeno della «fuga»), per un totale di 3.041 giornate di degenza (36% per radio e/o chemioterapia, 11% per trapianto di midollo o fegato e 53% per procedure diverse dalle precedenti).

 

Tra il 2000 e il 2009 gli ospedali del Friuli Venezia Giulia hanno, inoltre, accolto 360 giovani con tumore provenienti da altre regioni italiane e straniere (fenomeno dell'«attrazione»), per un totale di 16.261 giornate di degenza (33% per trapianto di midollo o fegato, 30% per radio e/o chemioterapia e 37% per procedure diverse dalle precedenti). Relativamente alla «fuga», le giornate di degenza sono diminuite del 34%, passando da 1.835 nel quinquennio 2000-2004 a 1.206 nel quinquennio 2005-2009.

 

AGMEN E MATTADOR
AGMEN E AVIS INSIEME PER LA SOLIDARIETÀ

 

AGMEN: LO SPOT
COMUNICAZIONI AGLI ASSOCIATI